E’ innegabile che al giorno d’oggi siano cambiati gli strumenti che ognuno di noi usa quotidianamente. Basti pensare al telefonino che, nato da una scommessa dell’allora SIP come strumento per essere sempre raggiungibili, ha avuto un’evoluzione così rapida che nessuno avrebbe mai potuto immaginare: alla sua nascita permetteva di … telefonare… mentre oggi la telefonata è quasi un servizio accessorio rispetto alle diverse funzioni disponibili. Non c’è dubbio, l’evoluzione tecnologica ci ha trascinato in un vortice che riguarda tutti, volenti o nolenti, consapevoli o meno. Secondo una ricerca appena uscita del Politecnico di Milano il Mobile Internet in Italia è cresciuto del 33% tra il 2012 ed il 2013 raggiungendo il valore della connettività da computer fisso. Il numero di utenti che si collegano ad internet dal proprio telefono cellulare è arrivato a Giugno 2013 a 24 milioni, pari ad oltre tre quarti degli utenti internet mensili da PC. E’ stata proprio l’accelerazione nell’uso degli smartphone che ha innescato una crescita esponenziale dei social network anche fuori dalle mura domestiche.

Per meglio comprendere il mondo dei social network, diamo uno sguardo a qualche dato: 27% del tempo speso su Internet è sui social network 84% di chi compra online usa i siti social per farsi delle idee, delle opinioni In America 85% degli utenti Internet hanno un account Facebook ed il 49% un account Twitter Il 60% dei consumatori online seguono o esprimono pareri e consigli nei confronti di marche/prodotti attraverso i siti social l’utente medio di Facebook ha 141 amici (Fonti: Forbes.com, Nielsen, PewResearch center)

Oltre ai dati possiamo fare insieme alcune considerazioni : Prima di tutto bisogna evidenziare che i social network in realtà non nascono nella maggior parte dei casi con l’idea di essere strumento di lavoro: chi li crea e li sviluppa vuole infatti costruire un sistema che permetta sia di comunicare all’interno di una comunità più o meno ristretta in modo efficace che di condividere esperienze personali in modo più o meno esteso. In secondo luogo è facilmente comprensibile come i social che emergono nei diversi paesi del mondo possano essere differenti, per esempio in occidente Facebook è tra i più utilizzati, in Russia o in Cina i più diffusi sono altri. Infine è altrettanto chiaro che ognuno di noi scelga e utilizzi per motivi personali “il o i” social che più si avvicinano alla sua personalità e/o che meglio li rappresenti nel modo di comunicare con gli altri. Quindi possiamo essere d’accordo sul fatto che tutti gli strumenti innovativi, dopo un rapido consolidamento, si affermino come sistemi per migliorare e rendere più efficiente il nostro quotidiano: in particolare dalle considerazioni fatte possiamo sostenere che il mondo dei social network ha influenzato inevitabilmente anche la nostra vita lavorativa e come questa condizione possa essere considerata uno strumento funzionale ed efficace.

Diamo uno sguardo all’universo dei social network che non si limita come si potrebbe pensare a Facebook e Twitter, ma copre come il grafico ben ci spiega, un panorama molto più vasto:

social media landscape (Fonte del grafico: http://www.fredcavazza.net/2013/04/17/social-media-landscape-2013/ Dato aggiornato al Aprile 2013)

In generale possiamo, senza scendere al momento nel dettaglio sulle diverse piattaforme, descrivere come possano essere efficaci in un SISTEMA di VENDITA DIRETTA. Un primo uso da parte dell’ Azienda può essere senza dubbio quello di “strumento di informazione verso la propria rete” . I social permettono, infatti, di avere un passaggio di informazione estremamente veloce grazie alla capacità di comunicazione coniugata con una certa dose di informalità data dalla natura stessa del mezzo. Così in tempi rapidissimi si possono divulgare novità aziendali e informazioni varie senza dover ricorrere, come una volta, a sistemi di trasmissione più lunghi e costosi. Un secondo uso che prenderà sempre più piede nel tempo è quello di “strumento di raccolta dalla propria rete ”. Infatti uno dei contesti sempre più interessante e funzionale per le aziende è legato alla possibilità di ricevere feedback dalla propria rete di vendita e dai consumatori : informazioni immediate e dirette che possono essere raccolte con un sistema certamente più veloce ed economico, soprattutto se la capillarità e la distribuzione geografica sono tali da rendere la raccolta delle informazioni piuttosto complessa. Oggi già queste due funzionalità se abbinate a sistemi presenti sugli smartphone permettono di fare un passo avanti significativo nell’efficienza collegata all’ecosistema aziendale. L’universo social è così vasto che in questa fase vale la pena concentrarci su come usare al meglio l’attuale “campione”, Facebook : nato ad Harward da una idea di Mark Zuckemberg è diventato in brevissimo tempo uno strumento per comunicare con una lista di amici attraverso testi foto e video. In Italia attualmente è usato attivamente da oltre 26 milioni di persone (dato rilasciato da FB a settembre 2013) con una diffusione per fascia di età che potete leggere nella tabella sotto.

ripartizione età grafico 2013 (Istogramma tratto dal sito> http://it.socialtimes.me/stat/IT Dato aggiornato al Settembre 2013)

Oggi il sistema si è evoluto e ci sono ormai svariati casi di interazione tra Azienda-canali di vendita e consumatore finale che comunicano “on-line” con Facebook: in generale un brand può trovare attraverso una propria pagina di questo social network, un sistema, uno strumento efficace per: Creare engagement col proprio pubblico di riferimento • Creare un sistema di relazione sul territorio con la propria Rete in modo da Incentivare Informare Formare sui processi e le soluzioni Creare un ecosistema che aiuti il brand a sviluppare “affinità” con i messaggi che vuole trasmettere

Resta quindi piuttosto significativo sottolineare come Facebook e i social network in genere, possano essere, in particolare per le aziende che operano nel mondo della Vendita Diretta, un ottimo strumento per facilitare il flusso continuo e in tempo reale di informazioni tra “Headquarters & Rete di vendita” e contemporaneamente per ricevere costanti ed efficaci feedback da Venditori e Consumatori .

Marco Fabiani

About DSCC